Stupro di gruppo: su facebook.

In effetti bisognerebbe partire dal concetto che FACEBOOK STESSO è uno STUPRO  alle menti e al tempo di ogni iscritto, ma a parte questo preambolo, per tutti gli iscritti infoiati come armadilli, è appena nato il gruppo che SOSTIENE LO STUPRO!!

Altro gruppo che fa polemica, quindi, dopo quello “pro Totò Riina”, è arrivato questo bel gruppetto che già sta facendo discutere, guardacaso proprio in questo periodo in cui il tema della sicurezza, gaffe di Berlusconi a parte, diventa di primaria importanza.

Walter Veltroni sull’accaduto: “È una vergogna, quel gruppo su Facebook va chiuso”. Ma anche gli altri utenti gridano il loro sdegno: “Sei uno schifo di persona” e altri insulti del genere vengono diretti a chi ha creato questa pagina.

Gabriella Carlucci chiede la regolamentazione di Facebook, con relativa eliminazione dei gruppi offensivi e pericolosi: “le donne italiane, vittime di abusi carnali, devono essere difese e tutelate. Dopo l’apologia della mafia i fan dello stupro di gruppo. Il social network più famoso del mondo sta diventando sempre di più un luogo virtuale dove impera l’illegalità ma soprattutto l’impunità“.

Ma intanto il gruppo e’ ancora li’! Come sono là tutti i pecoroni che ancora si iscrivono a Faccialibro (20.000 nuovi iscritti al giorno)


brunetta

Se si parla dell’Italia, intanto dobbiamo presupporre che uno ABBIA un ufficio. Per quello che riguarda i lavoratori in scrivania che amano il social networking, sono tempi duri. Molte aziende ed enti stanno limitando gli accessi a Facebook, se non addirittura impedendoli. Facebook fa diventare fannulloni! Dicono. Io non credo, anche perchè non esiste solo questo!! Ci sono msn, skype e tante altre “diavolerie”… senza contare i famigerati giochini in flash!!

miniclip_logo_flash_games3

Ma si può impedire di accedere a Facebook in orario d’ufficio? Certamente sì dice Pietro Ichino, senatore del Pd ed esperto di diritto del lavoro, che precisa: ”Tutta la strumentazione in ufficio deve essere utilizzata essenzialmente per fini di ufficio; questo vale sia per gli strumenti tradizionali che per quelli telematici e informatici”. Dunque, se lo ritiene opportuno, continua l’esperto, ”il datore di lavoro può limitare la funzionalità di un terminale internet ai soli usi che interessano all’azienda”. E potrebbe avvenire per Facebook come per la posta elettronica, per la quale è molto diffusa una direttiva aziendale ”che avverte i dipendenti della possibilità che la posta di ufficio sia letta anche da persone diverse dal singolo intestatario della mailbox - argomenta Ichino – e li invita a chiedere eventualmente l’apertura di una casella personale se ritengono di intrattenere una corrispondenza riservata. Ma, a rigore, il lavoratore dipendente non avrebbe diritto a intrattenere corrispondenza personale riservata in orario di lavoro e con la strumentazione di ufficio”.

Non è ormai un mistero, che anche alcune imprese americane usino Facebook comestrumento di selezione del personale, fingendosi ”un amico” del candidato per conoscere i suoi gusti, le persone che frequenta e farsi un’idea più precisa della persona che aspira al posto. Un comportamento, questo, avverte però il professore, assolutamente inammissibile: ”le indagini del datore di lavoro sulla vita privata, le opinioni e i modi di essere personali dei dipendenti o aspiranti tali, che non rilevino sul piano professionale, non sono assolutamente consentite dal diritto”.

Demonizzazione di Facebook, quindi? Non credo ce ne sia bisogno. E’ chiaramente il SN più coinvolgente del pianeta, e tra amici, gruppi, chat… e tutte le altre funzionalità, aggiunge “tempo perso” a “tempo perso”.

“Anche oggi tra msn e facebook non ho concluso un cazzo…”

 

NO FACEBOOK PEOPLE

nofacebookEd ecco il mio profilo. Non che serva particolarmente a qualcosa, ma è giusto anche chiedersi chi sono. E con tutti i social network… a che serve?? Questo ABOUT ME è in realtà un ABOUT US… ce la faremo a…. * Unire tutti i reduci del web senza facebook * Essere cancellati dal web * Abbassare il mio livello NERD e quello di tutti i Social Network Users * FARE PIU’ SEGUACI DI FACEBOOK!! Ci riuscirò? Ai posteR l’ardua sentenza.

Qualche funzione in più

Ass. Cult. Foglia EtneaNo Facebook non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto dei propri interventi che rappresentano l’espressione del proprio pensiero. Gli amministratori di No Facebook non sono responsabili del contenuto di tali interventi. Tutti i marchi e loghi presenti sul sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.

Meta

Creative Commons LicenseQuesto Blog è distribuito sotto la licenza Creative Commons e nei dettagli tu sei libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera alle condizioni di Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate.

Associazione Culturale FogliaEtnea
via Umberto, 52 - 95035 Maletto (CT)
P.IVA 04665880870