Ultimamente pare che il social network più amato/odiato al mondo stia ricevendo qualche batosta. Ed è bello sapere che anche blog come questi abbiano contribuito a una seppur minima disfatta.

Infatti dopo il picco dei 200milioni di iscritti, pare che il numero si sia stabilizzato se non addirittura ridotto, a causa delle continue delusioni che spesso il social network procura. Molti si stanno cancellando, e qualcuno addirittura crea gruppi antifacebook… su facebook!! Assurdo.

Sono nati tantissimi social network anti facecebook, dove ad esempio, si aggiungono le persone che si odiano, e non quelle amiche: ecco qualche link.

www.hatebook.org

www.hatebook.net

www.enemybook.org

www.ifuckinghateyou.com

Rimane il problema principale: sono pur sempre dei social network.

Ed ecco su youtube la “campagna anti facebook”!

Facebook Fails – Maggio 2009

Questo mese inauguriamo la rubrica “FACEBOOK FAILS”, ovvero una raccolta mensile di tutti quegli episodi di Facebookers che incuranti dell’arma che hanno fra le mani, ne vengono sopraffatti.
Chi si lascia, chi viene denunciato, chi si fa licenziare e chi più ne ha più ne metta.

Segnalate pure a questo blog tutti i Facebook fails che vi capitano sotto gli occhi!! Li pubblicheremo a fine mese con il link al vostro blog o sito, se ne avete uno.

FACEBOOK FAILS – may 2009

1 Maggio 2009: Malata di Facebook
La dipendente di una compagnia di assicurazioni svizzera e’ stata licenziata per aver navigato su Internet nel popolare sito di social network Facebook mentre era assente per malattia.
La donna 31enne aveva detto di non potere restare al computer perché aveva bisogno di stare al buio ma è stata rintracciata online mentre era attiva su Facebook, cosa che per la compagnia Nationale Suisse ha distrutto la sua credibilità come dipendente. “Questo abuso di fiducia, più che l’attività su Facebook, ha portato all’interruzione del contratto di lavoro», ha detto la società.”

15 Maggio 2009:  Facebook Medical Division

Gli infermieri di un Ospedale di Udine erano soliti scattare foto sul posto di lavoro. Una di loro ha avuto la geniale pensata di pubblicarle sul suo profilo di Facebook, ammesso e non concesso che si possa fare, la cosa che ha fatto scattare l’indagine è stata che tra le foto ci fossero anche scatti dove si vedevano malati spesso intubati o incoscienti,
Questo il commento di uno dei medici ritratto: “Cado dalle nuvole, questo è un fatto inaudito. Si trattava semplicemente di foto ricordo. Soltanto un imbecille può averle pubblicate su Internet. È come se organizzassi un party all’interno del reparto di terapia intensiva. Qualcosa di gravissimo. Chi entra qua dentro dovrebbe avere un maggiore senso di responsabilità.”

Qui lo sconvolgente articolo per intero.

23 Maggio 2009:  Io le cose le dico IN FACCIA(libro)

Milano.  Sara Amlesù 36 anni, è stata silurata per aver denigrato la famosa azienda nella quale lavorava: La ba­checa di Sara Amlesù è ancora visibile: «Se anche tu, come me, ti svegli al mattino pen­sando… No, anche oggi in Da­nieli / Se anche tu, come me, quando conosci un friulano o un genovese non puoi fare a meno di pensare mal comune mezzo gaudio/ Se anche tu, co­me me, dopo una giornata in Danieli sogni il barettino a Santo Domingo/ Se anche tu, come me, ringrazi la Danieli solo per gli amici/ Sei il benve­nuto».

Questo era quello che aveva scritto anche nel gruppo da lei aperto dal titolo: “Noi poveri sfigati che lavoriamo in Danieli”. Lei ha detto: “L’ho creato per sentir­mi simpatica e fare amicizia con i colleghi che lavorano nelle altre città d’Italia, Udine e Genova — spiega —. Non voleva essere offensivo. Eppu­re mi è crollato il mondo ad­dosso: in dieci minuti ho visto finire la mia carriera. E per che cosa? Per Facebook”. Sara Amlesù non nasconde la sua amarezza: “È stato un falli­mento: mi ritrovo ora a 36 an­ni senza un lavoro, con la con­sapevolezza che per leggerez­za ho buttato la mia vita.”

Le ultime parole sono da incorniciare, direi…

A questo blog sono pervenuti già 7 CASI di rottura di una storia d’amore a causa di Facebook. Ovviamente non possiamo pubblicare i nomi ma nella maggiorparte dei casi sono problemi di “corna”… ci siamo capiti.

Beh che dire… vi siete iscritti a Faccialibro quindi sono CAZZI VOSTRI!

VI lascio con questo divertente video…. FACEBOOK NEGLI ANNI 50!!

SI chiama FESSBUC ed è la prima sitcom in rete che prende in giro il tormentonie mediatico di questi ultimi tempi, il nostro odiato faccialibro. Per adesso sono online i primi due episodi, ecco i video.

L’idea è venuta a cinque attori che sviluppano la loro storia in un’agenzia di pubblicita’, dove tutti chattano su internet: la segretaria bruttina, l’account, i creativi, la centralinista bella. Ognuno chiacchera con un suo collega con un nome di fantasia, non sapendo chi c’e’ in realta’ davanti all’altro terminale.

Dopo FEISBUM, il film tutto italiano dedicato a facebook (che non ho visto e che quindi non commento) ecco un altro motivo per non passare giorno senza sentire la parola “facebook”

 

NO FACEBOOK PEOPLE

nofacebookEd ecco il mio profilo. Non che serva particolarmente a qualcosa, ma è giusto anche chiedersi chi sono. E con tutti i social network… a che serve?? Questo ABOUT ME è in realtà un ABOUT US… ce la faremo a…. * Unire tutti i reduci del web senza facebook * Essere cancellati dal web * Abbassare il mio livello NERD e quello di tutti i Social Network Users * FARE PIU’ SEGUACI DI FACEBOOK!! Ci riuscirò? Ai posteR l’ardua sentenza.

Qualche funzione in più

Ass. Cult. Foglia EtneaNo Facebook non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto dei propri interventi che rappresentano l’espressione del proprio pensiero. Gli amministratori di No Facebook non sono responsabili del contenuto di tali interventi. Tutti i marchi e loghi presenti sul sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.

Meta

Creative Commons LicenseQuesto Blog è distribuito sotto la licenza Creative Commons e nei dettagli tu sei libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera alle condizioni di Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate.

Associazione Culturale FogliaEtnea
via Umberto, 52 - 95035 Maletto (CT)
P.IVA 04665880870